Archivio

Posts Tagged ‘autonomia’

Google conferma le specifiche dei Glass: autonomia di un giorno, audio a conduzione ossea e 16GB!

16 aprile 2013 Nessun commento

google-glass-595x405

Google ha finalmente confermato in modo ufficiale le specifiche tecniche dei tanto attesi Glass, la versione Explorer Edition sta per raggiungere le mani degli sviluppatori che durante lo scorso Google I/O hanno aderito al programma e finalmente potremo assistere alla prima vera diffusione allargata dei futuristici occhiali. Vediamo più nel dettaglio cosa si nasconde all’interno di questo atteso dispositivo.

Prosegui la lettura…

Nexus 5: fotocamera, autonomia e compattezza i Focus principali

25 marzo 2013 Nessun commento

nexus-5-595x428

Il Nexus 5 è sicuramente uno dei terminali più attesi di questo 2013 e sebbene il suo debutto al Google I/O 2013 sia incerto e per molti improbabile vista la vicinanza con il lancio commerciale del Nexus 4, i rumor in rete sono veramente tantissimi e si intervallano con quelli del Motorola X Phone. Dopo aver visto come sia la fotocamera uno dei punti principali di novità che vedremo, arrivano ulteriori conferme sulle caratteristiche tecniche del prossimo Google Phone.

Prosegui la lettura…

Asus Padfone: video ufficiale e un’autonomia che non convince del tutto

Settimana ricca di news relativa al PadFone questa. Dopo i video precedenti e alcune immagini provenienti da uno dei primissimi unboxing, arriva anche il video demo ufficiale di Asus. Un video che mostra le caratteristiche e le potenzialità del prodotto e che non è un vero e proprio hands-on. Per chi ci ha seguito al MWC 2012, avrà visto i nostri ampi focus sul prodotto; video nei quali avevamo praticamente già mostrato tutto il dispositivo e messo in luce l’autonomia del device, ovviamente stando alla informazioni della casa. Con i primi arrivi è stata testata la durata della batteria e, con la soluzione completa di telefono+padstation+tastiera, si riescono a fare 14 ore di nevigazione web continua. Un risultato ottimo che ovviamente ha come contro il peso non proprio contenuto di tutti gli accessori insieme.

Prosegui la lettura…

HTC Autonome: concept phone per risolvere i problemi di ricarica

Il consueto caricabatterie è uno strumento spesse volte vincolante, perchè non consente di continuare ad utilizzare in mobilità lo smartphone mentre quest’ultimo è collegato alla rete elettrica. Obiettivo dell’HTC Autonome, un interessante concept phone sviluppato da Francois Rybarczyk, è consentire all’utente di continuare ad usare il device anche durante la fase di ricarica. L’idea è semplice quanto efficace: dotare lo smartphone di unaseconda batteria separabile dal resto della scocca, che può essere collegata direttamente alla presa elettrica.

Prosegui la lettura…

Samsung: i nuovi telefoni avranno una autonomia maggiore!

Il problema della durata delle batterie sui nuovi smartphone non è certamente nuovo. Processori sempre più potenti, core che aumentano, display sempre più grandi e risoluzioni ormai altissime, incidono sui consumi in modo importante. Sebbene il principale colpevole della diminuzione della batteria sia la connessione 3G attiva per i dati, Samsung afferma che la linea di smartphone in arrivo nel 2012 avrà prestazioni decisamente migliori che garantiranno almeno una giornata piena di utilizzo.

Prosegui la lettura…

iOS 4.3.1 Sembra migliorare l’autonomia della batteria

Categorie:News Tag: , , ,

LG Optimus Dual: Focus sull’autonomia

Una delle domande che in molti si stanno facendo in questi giorni e che potrebbero influire sulla scelta di un nuovo smartphone, è la durata della batteria dell’ Optimus Dual. Abbiamo aspettato alcuni giorni prima di scrivere questo Focus per essere certi delle prestazioni dello smartphone e per capire esattamente l’autonomia.

Per prima cosa bisogna puntualizzare alcune caratteristiche; una prassi che riteniamo necessaria per non travisare eventuali risultati.

  • Optimus Dual ha un processore Dual Core da 1GHz Tegra 2, ottimizzato per consumare meno, ma comunque è un processore più dispendioso di energie rispetto ad un single core. Ovviamente l’ottimizzazione dei produttori è un fattore determinante per i consumi.
  • Il prodotto testato e che arriverà in commercio monta la versione Android Froyo 2.2.2 e non Gingerbread. Sappiamo, da prove effettuate con diversi terminali, che il sistema Gingerbread modifica in maniera positiva l’autonomia, aumentandola in modo anche considerevole a seconda dei device. Di conseguenza i dati che andrete a leggere, potranno solo migliorare con un prossimo update.
  • Android Froyo 2.2.2 e il chip Tegra, sebbene offrano ottime prestazioni, non sono ottimizzati in maniera perfetta per convivere assieme e lo stesso processore Dual Core è una novità nel settore smartphone che quindi necessita ancora di ottimizzazioni future che potranno influire sui consumi, ovviamente diminuendoli.
  • LG Optimus Dual ha uno schermo da 4 pollici molto luminoso e le differenti impostazioni di luminosità possono incidere in maniera differente sulla batteria.

Precisazioni che riteniamo fondamentali fare per un esame realistico del primo Dual Core in arrivo in Italia.

Utilizzo Estremo:

Partiamo subito con l’utilizzo che definiamo estremo, ovvero un uso che difficilmente un utente normale potrà avere nell’arco della giornata. In pratica si tratta di una navigazione quasi continua in internet utilizzando vari programmi e luminosità al massimo.

  • Connessione internet sempre accesa
  • Luminosità massima
  • Programmi usati e sempre connessi: gtalk, skype, gmail, browser multitab, meteo, social network
  • Durata operatività del cellulare: 6 ore

Essendo stati lontani dall’ufficio, abbiamo utilizzato il cellulare come sostituto del pc a tutti gli effetti. Navigazione internet con continui cambi di pagina, chat simultanee su skype e gtalk, ricezione ed invio continuo di mail, update di twitter e facebook sono state le attività fatte dall’accensione allo spegnimento del device. Optimus Dual in realtà non si è spento in quanto al 5% di autonomia residua lo abbiamo collegato al caricabatteria.

Sebbene 6 ore possano essere considerate poche, con questo tipo di utilizzo è difficile riuscire a fare meglio con altri device. Condizioni analoghe le abbiamo sperimentate con diversi smartphone e superare le 6 ore reali è quasi impossibile (parlando di smartphone e non tablet).

Di conseguenza, prendendo in considerazioni i punti iniziali dell’articolo, il processore Tegra 2 e Optimus Dual si sono dimostrati buoni dal punto di vista autonomia, regalando un consumo paragonabile ad altri single core (per non dire addirittura inferiore a molti) con il vantaggio di una potenza e velocità sicuramente maggiore.

Utilizzo normale:

Se da un lato l’utilizzo estremo è probabilmente la condizione meno frequente, l’uso in condizioni normali è quello che maggiormente viene svolto. Diciamo subito che Optimus Dual la giornata la fa e la garantisce anche con un buon margine considerando 14 ore di lavoro.

  • Connessione internet sempre accesa
  • Luminosità automatica
  • Programmi usati e sempre connessi: gtalk, gmail,
  • Programmi usati o con connessioni regolari ma non continue: social network, browser, meteo
  • Chiamate effettuate/ricevute: circa 10 minuti
  • Sms rivecuti/inviati: da 4 a 8
  • Durata operatività del cellulare: 14 ore con carica residua

Essendo un terminale Android, a nostro parere la connessione dati deve rimanere sempre attiva per sfruttare lo smartphone e di conseguenza reputiamo utilizzo normale avere i dati sempre accesi. Inoltre il sistema Android permette di tenere in push gtalk e gmail, programmi che utilizziamo frequentemente e che lasciamo nativamente connessi.

Utilizzando quindi il cellulare in una normale giornata intervallata da chiamate, sms, piccole connessioni internet tramite browser, installazione di qualche applicazione, lettura e risposta mail, Optimus Dual permette di coprire la giornata in maniera completa. Diciamo che le prove fatte hanno dato risultati compresi tra le 13 e le 18 ore di utilizzo a seconda delle attività svolte.

Una autonomia quindi paragonabile ai single core Android in medesime condizioni; segno che il chip tegra 2 ha un consumo energetico molto basso anche se dotato di doppio processore.

Standby:

Una ulteriore prova, sebbene possa risultare non utile, è quella dello standby. Abbiamo fatto questa prova per capire il livello di ottimizzazione del device e se, senza utilizzarlo, ci fossero processi o programmi in grado di avere un consumo anomalo sulla durata. In pratica non abbiamo trovato nessun problema e anzi, il Dual con Froyo sembra essere ben equilibrato e lo standby non consuma batteria in modo anomalo, offrendo una autonomia di vari giorni.

In conclusione Optimus Dual si è dimostrato buono anche a livello di autonomia nonostante il modello preserie in nostro possesso. L’autonomia non può essere definita superiore ai device single core con caratteristiche simili (schermo, mAh batteria ecc… ) ma sicuramente non è definibile inferiore. Il vantaggio lo si ha nell’utilizzo, nella maggiore velocità e in un probabile miglioramento con futuri aggiornamenti (Gingerbread in primis) e maggiori ottimizzazioni.

Fonte: HDBlog.it

Categorie:News Tag: , ,